Una biblioteca a cielo aperto nel cuore della città, ravvivata dalle splendide opere di street art: questa è diventata Via Montesilvano del rione Sanità di Napoli. In questa via sorge un bene confiscato alla criminalità organizzata che, nel 2018, è stato affidato all’Associazione “Opportunity Onlus”. Qui i soci e gli operatori promuovono e svolgono corsi per bambini e forniscono assistenza legale e sanitaria a chi ne ha bisogno.

Il vicolo di rione Sanità, da qualche mese, ha cambiato completamente volto grazie all’attività dei soci e volontari. Chi giunge in questo luogo può trovare edicole all’aperto in cui prendere in prestito libri e giornali o scambiarli gratuitamente con altre persone, ammirando nel contempo i coloratissimi murales che rappresentano alcuni dei personaggi napoletani più famosi: Sophia Loren, Totò, Pino Daniele, Massimo Troisi, Peppino De Filippo.

C’è una grande voglia di cambiamento, in questo rione popolare di Napoli: i ragazzi sono i fautori di questo rinnovato interesse per la cultura e la legalità, due valori che vanno a braccetto e che non possono esistere l’uno senza l’altro.

Il Presidente dell’Associazione Opportunity Onlus che gestisce il bene confiscato alla mafia e che ha letteralmente realizzato questo “miracolo napoletano” è Davide D’Errico, il cui nonno Luigi venne ucciso da alcuni esponenti della camorra perché non aveva voluto pagare “il pizzo”.

Il bene confiscato in Via Montesilvano in cui si svolgono le attività dell’associazione è proprio intitolato a lui. In occasione dell’inaugurazione del vicolo della cultura (primo del genere in Italia) Luigi Felaco, assessore ai Beni Confiscati del Comune di Napoli, ha dichiarato: “Sono doppiamente felice e grato in qualità di Assessore ai Beni Confiscati, alla creatività e decoro urbano. Poi teatro dai balconi, scrittori, istituzioni e tante persone. Perché la strada è di tutte e tutti come i beni confiscati alla camorra della nostra città”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui