Home ATTUALITA' Fedez e Francesca Michielin, come è nata la loro amicizia

Fedez e Francesca Michielin, come è nata la loro amicizia

110
0

Non è la prima volta che i percorsi artistici di Fedez e Francesca Michielin si sovrappongo, anche in virtù di una solida amicizia. Ricordate i successi di Cigno Nero (2013) e Magnifico (2014)? Poi i due cantanti si erano persi di vista. «Ci siamo ritrovati durante il lockdown a cantare dai balconi e a condividere le dirette su Instagram», raccontano ora. E in quei giorni è tornata la voglia di rivedersi in studio e scrivere a quattro mani la canzone che portano al festival, Chiamami per nome.

A Sanremo la Michielin c’è già stata (nel 2016 sfiorò la vittoria) mentre il rapper è al debutto su questo palco. «Ho un po’ di ansietta», ha rivelato Fedez. «Ma spero di godermelo tutto». Per uno come lui che tre anni fa ha affrontato anche il tutto esaurito di un mega concerto allo stadio di San Siro, che ogni giorno pubblica assieme alla moglie Chiara Ferragni spaccati di vita reale su Instagram (ha 11,6 milioni di followers), l’Ariston, che quest’anno è pure privo di pubblico in sala, dovrebbe essere una passeggiata. E invece tutt’altro. «Nel 2015 accompagnai Lorenzo Fragola a Sanremo », dice Fedez, «ero il suo manager pro bono.

Lorenzo aveva appena vinto X Factor nella mia squadra. Ebbene, dissi a me stesso che io al suo posto non ce l’avrei mai fatta. E anche adesso, insomma…». Ora Federico Lucia (vero nome di Fedez) si prepara ad affrontare la grande prima volta con una serie di “aiutini”. «Faccio meditazione trascendentale», racconta. «E da un anno seguo la terapia Emdr [trattamento di disturbi causati da eventi stressanti o traumatici, ndr]». Qualche mese fa anche Chiara Ferragni aveva rivelato di essere ricorsa a questo tipo di sostegno psicologico per superare la stata lei a consigliarla al marito. «Ho anche qualche rito scaramantico », aggiunge Fedez. «Porto con me un’immaginetta di Michael Jordan e mi faccio leggere i tarocchi da mia nonna». Non bastasse, il rapper troverà un valido supporto in Francesca.

«Io ho iniziato a fare yoga», ha detto la cantantautrice veneta. «Ho anche un portafortuna, un cornetto rosso che ho comprato a Napoli, la città del cuore». Ma per ridurre qualsiasi tensione, la Michielin, che è tifosissima della Juventus e segue il calcio con passione, ha un rimedio tutto suo: «Guardo le interviste di Francesco Totti su YouTube, mi rilassano», ha rivelato. Il sangue freddo di Francesca si è notato anche nelle frenetiche settimane di preparazione al festival: Fedez, forse poco avvezzo alle dinamiche della kermesse, ha rischiato di farsi eliminare per aver postato un video in cui cantava qualche nota della canzone sanremese a suo figlio Leone. «Mi sono sentito in colpa», ha detto poi il rapper, «e ho mandato un mazzo di fiori a Francesca. Lei però non si è arrabbiata, anzi si è commossa».

L’amicizia tra i due è solida e si vede. «Io non ho un progetto discografico da lanciare », continua Fedez. «Lascio spazio a Francesca che invece ha un disco in promozione, Feat fuori dagli spazi, in uscita il 5 marzo». In questo momento il rapper ha altro per la testa. «Non voglio darmi scadenze, sono alla ricerca di nuove sonorità», spiega. Ma una scadenza c’è, e che scadenza! Sta per diventare padre per la seconda volta, evento che dovrebbe avvenire due settimane dopo Sanremo. Dunque Chiara non accompagnerà il marito al festival, sia per lo stato avanzato della gravidanza e sia per le rigide misure anti Covid che quest’anno gravitano intorno al festival.

Lo ha rivelato lei stessa, raccontando che lo seguirà dal divano di casa con il figlio Leone. Sicuramente, però, Fedez non mancherà di regalare qualche saluto particolare alla moglie e qualche siparietto sugli ultimi giorni di attesa. E, a proposito di rigide misure anti Covid, la Michielin ha annunciato che, per ragioni di sicurezza sanitaria, non alloggerà in hotel. «Ho affittato un monolocale dove mi porterò tutti i miei strumenti», ha detto. Della sua vita amorosa si sa poco, se non che mesi fa le era stato attribuito un fidanzato, Ramiro Levy, chitarrista del gruppo italo-brasiliano Selton. Se son fiori potremmo vederli sbocciare nella città-giardino.